Pagine

lunedì 12 gennaio 2009

Green marketing=business sostenibile

A proposito di nuovi arrivi, oggi parliamo di Green Marketing (trad. ''marketing verde'') Mamma mia!, direte voi, ma che avrà mai da spartire adesso la vendita con l'ecologia e l'ambiente? Beh vedete, verde sì ma fino a un certo punto, visto che si tratta sempre e comunque di business. Facciamo però un passo indietro.

I prodotti cosiddetti 'verdi' non sono affatto una novità. Facciamo un esempio: i cereali per la prima colazione ideati dall'americano Will Keith Kellog, nel 1894. in odore di piena rivoluzione industriale, erano già considerati prodotti salutari in quanto fiocchi di mais tostati. A dire il vero, la novità allora non era tanto rappresentata dagli ingredienti quanto piuttosto dalla modalità di assunzione (nel latte). Il prodotto in questione fece in pochissimo tempo la gioia di tanti piccoli consumatori in erba.

Azzardiamo a questo punto una conclusione: non sono i prodotti salutari in sè ad attrarre il consumatore, quanto piuttosto il binomio ecologia-salute da essi generato. Da poco tempo, il fenomeno si è allargato anche all'ambiente in senso largo, ma sostanzialmente la consapevolezza che ci si innamori più dell'idea congiunta che del prodotto in sè, permane. Né potrebbe essere diversamente: questa è l'anima della vendita, alla quale la pubblicità non può che adeguarsi, evocando emozioni e suggestivi appagamenti di bisogni. Se poi all'idea di 'verde', corrisponde anche un'effettiva valenza eco-sostenibile, beh allora, il prodotto ha tutti i numeri per farsi vendere!

0 commenti:

Posta un commento