Pagine

venerdì 2 gennaio 2009

Marketing di prossimità: il target della porta accanto

Il marketing di prossimità (o proximity marketing come lo chiamano gli anglosassoni che in fatto di marketing non convenzionale la sanno lunga), è l'ultimo arrivato nel panorama del marketing dei nuovi mezzi di comunicazione, ma già fa ben sperare per il suo utilizzo in ambito commerciale.

Nonostante esso sia circoscritto ad una categoria specifica di utenti e limitato nello spazio solo dal mezzo di diffusione (viene infatti utilizzata prevalentemente la tecnologia bluetooth per l'invio di contenuti pubblicitari), il marketing di prossimità sembra davvero essere una rivoluzionaria possibilità di pensare il marketing da una parte, e una ghiotta occasione di guadagno dall'altra.

Lo scopo principale di questo tipo di approccio pubblicitario, a detta dei suoi fervidi sostenitori, è portare l'azienda dal cliente, ovvero avvicinare il prodotto al consumatore. Quale miglior modo di sentirsi vicini, che mandare un bel messaggino sul telefonino? Già perché oggi il telefonino, la fa ancora da padrona nonostante la presenza (oserei dire in questo caso anche a causa), di internet e dei new media. C'è solo da augurarsi che tutto ciò sia una genuina maniera di fare business e non piuttosto l'ennesimo 'tiro al piattello' al consumatore.

0 commenti:

Posta un commento