Pagine

martedì 12 gennaio 2010

SEO Wordpress (parte seconda): Page Title e Sitemap

Titolo della pagina e Mappa del sito: due colonne portanti della SEO, a braccetto anche in Wordpress!

Wordpress sitemap-title
In questa seconda parte del post dedicato alla SEO per Wordpress, vedremo come servirci agevolmente di due semplici accorgimenti per ottimizzare qualunque tipo di piattaforma web, Wordpress compreso.

Andremo a imparare l'uso corretto delle intestazioni di contenuto eventualmente presenti nella pagine del nostro CMS preferito, e l'impiego di una sitemap xml per ottenere visite più mirate da parte dei motori di ricerca.

Come abbiamo già accennato la volta scorsa, il titolo di una pagina è fondamentale per acquisire in maniera 'fisiologica' quei risultati di posizionamento nelle serp che ci siamo prefissati di raggiungere. Generalmente, in Wordpress, il nome della pagina assume di default la descrizione del titolo del vostro post, e può andar bene così, a meno che non decidiate di intervenire direttamente sul codice PHP presente nell'header per modificarlo, ma non ne vedo qui la necessità.

In realtà, quello che sarebbe più conveniente fare per dare una maggiore incisività SEO al vostro articolo, è suggerire ai motori di ricerca che un determinato testo ha una certa rilevanza, riportandolo a mo' di sottotitolo o intestazione di paragrafo, e integrandolo tra i tag di rilevanza di testo, ovvero degli heading tag h2e h3 (h1 è il title della pagina). Tutto questo, agendo direttamente sul codice html. Vediamo come.

Prima di tutto, permettetemi di darvi un piccolo suggerimento: nello scrivere il titolo del vostro post, non superate i 67 caratteri di lunghezza, spazi inclusi. Questo perché, superato questo numero di battute, Google rimanderebbe nelle serp un risultato 'troncato'. Non si tratta di un diktat 'accademico' per carità, dato che si potrebbe tranquillamente derogare questa regola (il web non è un campo di lavori forzati! :-) ma rammentate che il risultato ottenuto andrebbe a discapito di chi l'informazione la vuole vedere lì bella e completa davanti ai propri occhi!

Nelle due immagini sottostanti, potete avere un'idea di come agire con le specifiche html degli heading tag sui titoli (attraverso l'editor html di Wordpress) e di come il tutto apparirà agli occhi di chi legge:

Page title1


In fase di preparazione del testo, infine, potrebbe risultare conveniente l'inserimento di alcune keywords 'forti' da riportare nel sottotitolo o nel testo dei paragrafi evidenziato. Possibilmente keywords diverse da quelle che eventualmente saranno presenti nel titolo, e da riproporre ogni tanto anche nel resto del post (senza esagerare, mi raccomando, altrimenti rischiate di 'robotizzare' il vostro contenuto ;-) Facile no?

Ok, eccoci giunti alla famosa sitemap. Se ricordate, tempo fa abbiamo spiegato che cos'è una sitemap e nello specifico come sia altrettanto conveniente impiegare una sitemap combinata xml/html. All'epoca, ne avevo illustrato il valore sostanziale a garanzia di un passaggio corretto dello spider sulle pagine, soprattutto se queste ultime vengono aggiornate di frequente.

In Wordpress è semplice creare una sitemap in xml, anzi, in realtà non dovete fare altro che scaricare il plugin più idoneo a questo tipo di operazione, e il resto lo farà la piattaforma in automatico. Tra le svariate possibilità di scelta, vi suggerisco di utilizzare Google Xml Sitemaps, in quanto possiede una notevole capacità di personalizzazione e un'efficacia non indifferente nel creare codice/url in 'smart mode', adatti allo scopo.

Eccovi uno screenshot che vi indica la sezione di Wordpress da raggiungere per poter scaricare il plugin che fa per voi:

Google XML Sitemap

Bene, anche con questa seconda parte abbiamo terminato. Prossimamente vedremo altre tecniche SEO, a cominciare dall'ottimizzazione delle immagini e...altro ancora.

0 commenti:

Posta un commento